Lecce: ancora tre positivi al Covid
15 novembre 2020
Europei su pista: ancora un argento per l’Italia
15 novembre 2020

E’ terminata con il risultato di 28-17 per la Scozia il match d’esordio della Nazionale Italiana Rugby nella prima edizione della Autumn Nations Cup giocata allo stadio Franchi di Firenze, primo dei due Cattolica Test Match casalinghi all’interno del torneo. Una partita che ha visto per lunghi tratti gli Azzurri in vantaggio che nella parte finale del match sono stati rimontati dal XV guidato da Townsend.

“Credo che a un certo punto abbiamo guardato più al tabellino che a quello che possiamo fare. Una lezione grande che bisogna imparare – ha esordito Franco Smith nella conferenza stampa post partita– è pensare a cosa puoi fare durante la partita. Se noi ci concentriamo su questo, possiamo controllare anche gli ultimi minuti di gioco. Abbiamo fatto grandi passi in avanti, ma bisogna portare la prestazione di alto livello, come fatto nei primi 60 minuti di gioco, anche nel finale”.

“Alcune scelte magari non sono state efficaci, ma abbiamo imposto spesso il nostro ritmo sulla partita. La Scozia, purtroppo, quando entrava nei nostri 22 metri difensivi è riuscita a conquistare punti. Noi invece non abbiamo sfruttato tutto quello che abbiamo creato”.

“Siamo arrivati in un punto dove ora non bisogna assimilare i nostri meccanismi di gioco ma migliorare alcuni aspetti. Da quando abbiamo ripreso l’attività con questi ragazzi abbiamo avuto la possibilità di scendere in campo 240 minuti mostrando in ogni partita dei progressi. Il risultato ci lascia l’amaro in bocca ma sappiamo di aver fatto ancora qualcosa di diverso rispetto all’ultima partita” ha concluso Smith.

CLICCA QUI PER LA CONFERENZA STAMPA INTEGRALE

“Sapevamo che il pacchetto di mischia avversario sarebbe stato performante – ha dichiarato Luca Bigi – e uno dei nostri focus era quello di vincere la battaglia fisica che si preannunciava. Credo che in mischia ordinata siamo stati dominanti per quasi tutta la partita. Abbiamo aggiunto tante piccole cose alla nostra prestazione. C’è stato un altro passo in avanti ma dobbiamo mantenere la durata della nostra performance per tutti gli ottanta minuti” ha evidenziato il capitano azzurro.

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *