La “Fondazione Rico Semeraro” oltre lo sport anche la cultura ed il sociale per il territorio salentino.
2 agosto 2021
Olimpiadi di Tokyo: Nicolai-Lupo volano ai quarti
2 agosto 2021

La storia di Nathan Adrian, nuovo volto della Happy Casa Brindisi.
“If I wake in West Virginia, I have won” – “Se mi sveglio in West Virginia, ho vinto”. Questa la frase tatuata sulla possente spalla del ragazzone di 206 cm per 107 kg, che racchiude in poche, ma significative parole, la concezione di ‘casa’ di Nathan Adrian.
Originario del West Virginia, nato e cresciuto a Morgantown, ha frequentato e concluso tutto il percorso universitario e cestistico da vero ‘Mountaneer’: Ridgedale Elementary Charger, South Middle Stallion, Morgantown High Mohigan e West Virginia University.
Nei suoi quattro anni di carriera a WVU ha giocato tutte le 140 partite ufficiali, partendo in starting five in 75 occasioni. Idolo dei tifosi di casa per il carattere, attaccamento alle origini e dedizione in campo, ha conquistato 516 rimbalzi e recuperato 134 palloni ricevendo nell’anno da senior la menzione nel primo quintetto difensivo ‘All-Big 12’. In ognuna delle sue ultime tre stagioni, i Mountaneers hanno scalato posizioni in NCAA Tournament, vincendo almeno 25 partite, e avanzando alle ‘Sweet 16’ nel 2015 e 2017. Il tutto, sotto la chioccia di coach Bob Huggins, per tutti ‘Huggy Bear’, nominato Conference Usa Coach of the Decade nel 2005. Sessioni di tre ore di allenamento e grande etica morale e sportiva ai propri ragazzi, uomini prima che giocatori.
Conclusa la sua esperienza al college, Nathan ha dovuto fare i conti con un infortunio alla spalla patito nel finale di stagione 2016/17 e, soprattutto, con i seri problemi di salute di suo padre Kevin. Un periodo in cui si è dilettato in attività commerciali a Morgantown e si è cimentato dalla parte opposta al campo di gioco, in qualità di commentatore televisivo per le partite di West Virginia. Nell’estate del 2019, superati i vari problemi, decide di tornare ad attaccare il ferro e partecipare al ‘The Basketball Tournament’, formando il team ‘Best Virginia’ con alcuni suoi ex compagni di college.
Ritrovata la forma fisica e serenità mentale, ecco la chiamata dall’Europa precisamente da Bordeaux. Rimettersi in gioco nella terza serie francese e dimostrare a tutti di che pasta è fatto nonostante il periodo di inattività. Leader della squadra per punti (20.5) e rimbalzi (7.7), la scorsa stagione ha preso il primo volo per l’Ucraina, destinazione Mykolaiv (quasi 18 punti e 8 rimbalzi).
Step by step, Nathan è pronto ad affrontare nuove sfide e stimoli alzando sempre più l’asticella.

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *