Mondiale per club, sfuma il sogno della Lube
12 dicembre 2021
Match spettacolare, ma vince Modena
12 dicembre 2021

Sempre regina. Sempre con l’oro al collo. È il triplete di Nadia Battocletti, campionessa d’Europa under 23 nel cross dopo due titoli consecutivi da under 20. E la festa azzurra agli Europei di Dublino si estende anche alla squadra U23 delle donne che centra un oro storico, mai vinto in passato agli EuroCross da nessun team femminile italiano: merito del sesto posto di Anna Arnaudo e dell’undicesimo di Giovanna Selva, poi arrivano Sara Nestola 33esima, Ludovica Cavalli 36esima, Michela Moretton 48esima.
Tutte lì. Una accanto all’altra. Battocletti rischia il meno possibile, si porta davanti per non restare chiusa nel gruppone e disegnare le curve sempre in testa. La slovena Klara Lukan la marca da vicinissimo, intraprendente anche la britannica Amelia Quirk, più nascosta la portoghese Mariana Machado. La trentina rischia di cadere a metà gara in un contatto piede contro piede con la Lukan, ma resta in piedi, sospiro di sollievo. Si forma un gruppetto di una decina di unità tra cui le altre due azzurre Anna Arnaudo e Giovanna Selva. Un plotone che si assottiglia al passaggio alla campana, -1500 metri: rimangono in sei, tra cui Nadia e Anna. E la miccia si accende con l’attacco della francese Manon Trapp, che però non si libera della compagnia. Più decisa l’offensiva della Lukan e allora, eccolo qua, il duello decisivo tra le due grandi amiche e rivali, l’azzurra e la slovena. Il momento giusto. Quello decisivo, a poche centinaia di metri dal traguardo. Attendere e colpire. Nadia Battocletti è così. Divina.

Eleganza, classe, testa. E la freddezza della gara che si scioglie nel sorriso della zona mista, dopo l’abbraccio con papà Giuliano e con il presidente della FIDAL Stefano Mei: “In questi mesi mi sono allenata molto bene – le sue prime parole – oggi è stata dura, c’erano ragazze molto forti con caratteristiche simili alle mie. Abbiamo trovato un percorso che ritengo il più tosto degli ultimi anni, durante la corsa ho dovuto mettere in atto tutte le mie tattiche, ho spesso indietreggiato per evitare di prendere troppo vento e ogni tanto rientrando in gruppo ho preso qualche botta. Sì, vedevo le altre che provavano un sacco di attacchi ma io sapevo che la mia qualità migliore sono gli ultimi cinquecento metri, ho aspettato e poi sono partita”. Detto, fatto. Era la donna da battere. E nessuna ci è riuscita. “Mi sentivo la più forte? Io non sottovaluto mai nessuno. In questa trasferta però avevo sempre gli occhi addosso, in quanto favorita: questa cosa mi fa strano, ma anche piacere. Non ho sentito la pressione. Grazie a mamma e papà, alle Fiamme Azzurre e a tutto il team che mi segue sapevo che dovevo solo prendere tutti gli allenamenti di questi mesi e portarli dentro la gara”. 
La 21enne trentina di Cavareno, che quest’anno ha conquistato il titolo europeo under 23 anche nei 5000 su pista, chiude in 20:32 nei 6 chilometri. A coronare una stagione entusiasmante, con l’apice del settimo posto alle Olimpiadi di Tokyo nei 5000 metri: “L’esperienza dei Giochi Olimpici mi ha dato tanto – prosegue Battocletti – sono entrata in contatto con atleti fortissimi come Hassan e Ingebrigtsen, spero di diventare come loro. Ma del 2021, oltre a tutte le medaglie, resta soprattutto la certezza di essere cresciuta mentalmente, ancora più che fisicamente. Ho smesso di pormi i soliti dubbi, sul fatto di non essermi allenata bene o cose del genere. Adesso ragiono in maniera diversa: penso e agisco come un’atleta professionista e non ho più limiti. Non vedo l’ora che arrivi la prossima estate, i Mondiali di Eugene, gli Europei di Monaco di Baviera. Per continuare a crescere”.

Ancora un argento per la slovena Klara Lukan (20:36) e bronzo alla portoghese Mariana Machado (20:36): è lo stesso podio della gara under 20 di due anni fa a Lisbona. Fondamentali, per il trionfo a squadre, i piazzamenti delle piemontesi Anna Arnaudo, vicecampionessa europea di categoria nei 10.000 che è brillante sesta in 20:55, e Giovanna Selva, undicesima in 21:19, protagonista di una solida prova dopo essere stata frenata da un infortunio in estate. Tra le altre italiane si fa notare la reggiana Sara Nestola, 33esima in 22:09 alla sua prima maglia azzurra, davanti a Ludovica Cavalli (36esima la genovese in 22:11) e alla trevigiana Michela Moretton, 48esima in 22:41. Parola ancora a Nadia Battocletti: “Ho sempre detto che le medaglie di squadra sono ancora più sentite di quelle individuali – afferma – soffriamo ed esultiamo tutte allo stesso modo, è bellissimo far parte di questo team”. Arnaudo si gode anche il sesto posto individuale: “Sono partita cauta, con prudenza. Peccato essere rimasta indietro nell’ultimo giro ma va bene così”. Selva è “felicissima di aver portato punti per la squadra, nonostante abbia patito il cambio di ritmo all’ultima tornata”. Cavalli ricorda che “dopo due anni al secondo posto di squadra (under 20, ndr), ce l’abbiamo fatta”, per le new entries Nestola e Moretton è una “prima esperienza indimenticabile”.
Nella storia degli Europei di cross è la prima medaglia d’oro a squadre femminile per l’Italia (in precedenza quattro successi delle formazioni maschili) e la terza volta di una doppietta con vittoria individuale e per team nella stessa gara dopo quelle degli uomini tra gli under 20 nel 2006, trascinati da Andrea Lalli, e nel 2014 con Yeman Crippa.

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *