Europei di Atletica: Tamberi in finale
7 marzo 2021
Prisma Taranto: sfida d’alta quota con Cuneo
7 marzo 2021

Che carattere. Che grinta. All’ultimo salto del turno di qualificazione, Larissa Iapichino centra la finale agli Europei indoor di Torun (Polonia) nel salto in lungo con la seconda miglior misura tra le partecipanti (6,70), inferiore soltanto al 6,78 della svedese Khaddi Sagnia. Una pedana perfetta (soltanto 1,2 centimetri regalati) e un gesto tecnico potente ed elegante, dopo due salti iniziali di assestamento che non l’avrebbero qualificata (6,35 e 6,42), la fanno sbarcare nella prima finale continentale “dei grandi”, a soli diciott’anni e mezzo, al debutto in Nazionale assoluta tra le big d’Europa: appuntamento domani (sabato) alle 19.40 per continuare a fare esperienza. Nel turno decisivo non mancherà nemmeno l’altra azzurra Laura Strati, capace di piazzare al primo salto il 6,58 valido per la finale, sesto posto complessivo del primo round. Dal fronte delle rivali, l’ucraina Maryna Bekh-Romanchuk salta 6,66, la spagnola Fatima Diame 6,62, la tedesca campionessa mondiale Malaika Mihambo 6,58 (all’ultimo salto) stessa misura della Strati. Tra le “otto” anche la rumena Florentina Costina Iusco (6,57) e la bielorussa Nastassia Mironchyk-Ivanova (6,55). 

IAPICHINO: “OGGI HO IMPARATO TANTO” – Questa pedana mi ha un po’ sconvolta – racconta Larissa Iapichino, primatista mondiale under 20 con il 6,91 di Ancona e leader mondiale dell’anno – nei primi due salti non riuscivo a staccare perché ero decisamente troppo ‘sotto’, quindi abbiamo dovuto indietreggiare drasticamente la rincorsa. E così all’ultimo salto, grazie alla mia testa, e con questa novità, siamo riusciti a strappare questa qualificazione, di cui sono felicissima. Non volevo assolutamente che Torun finisse con un’eliminazione. L’ho detto, sono un animale da gara, quando si deve lottare per qualcosa ci si prova e lo si fa con le unghie e con i denti. Anche Mihambo ha sofferto e significa che non è mai scontata la qualificazione, non è facile essere perfetti nel primo turno. Se ha avuto problemi una campionessa mondiale da 7,30, perché non dovrei averli io, bambina di 18 anni con pochissima esperienza? Sono qui per imparare, e oggi ho imparato tanto. Dalla Mihambo, dalla Bekh, e da tutte le altre. Domani punto a divertirmi e a trovare una stabilità tecnica che mi faccia volare il più lontano possibile”.

Spalle al muro, Larissa non ha sbagliato il tentativo decisivo: “Prima dell’ultimo salto ho perso circa dieci anni di vita – rivela, con un sospiro di sollievo – Volevo assolutamente ottenere il biglietto per la finale e un po’ d’emozione l’ho sentita. Ma ho sentito anche il calore di capitan Tamberi e dei compagni presenti in tribuna, li ringrazio perché è anche per loro che ce l’ho fatta. Siamo due azzurre in finale ed è un segnale positivo per tutta l’atletica italiana. Ora sentirò mamma Fiona May e sicuramente mi dirà che anche lei ha perso dieci anni di vita. Papà Gianni invece potrebbe essere un po’ più razionale, ma vedremo…”.

AVANTI ACETI E BORGA (400), OK BELLÒ, BALDESSARI E VANDI (800) – Nella mattinata del day 2, anche un altro saltatore ottiene la qualificazione alla finale: è Tobia Bocchi nel triplo con 16,40, quinta misura complessiva. Tornerà in pedana domenica mattina alle 10.50. Missione compiuta nel primo round dei 400 metri per Vladimir Aceti. Il campione italiano passa il turno con il secondo posto in 46.82 nella propria batteria e si ripresenterà in pista questa sera per la semifinale. Non riesce invece a qualificarsi Lorenzo Benati, quarto della sua batteria con 48.24. Ci sarà un’azzurra anche al femminile nelle semifinali dei 400 metri. A staccare il pass è Rebecca Borga, quarta con 52.72 che vale l’ultimo tempo utile per il recupero. Beffa per Alice Mangione, eliminata per un soffio ma protagonista di un netto progresso in 52.73 (prima delle escluse). E non demerita la matricola Eleonora Marchiando (53.70). Negli 800 metri tripletta di qualificate azzurre per la semifinale: avanti Elena Bellò vincendo la propria batteria in 2:03.80, Irene Baldessari (2:05.44) ed Eleonora Vandi (2:06.02). Niente finale del peso per Leonardo Fabbri. Sarebbe bastato 20,27 ma oggi non era affatto semplice alla luce delle tre settimane senza lavoro a causa del Covid: il primatista italiano indoor del peso si ferma a 19,96. Coraggiosa la prova di Federica Del Buono nei 1500, sesta in batteria con lo stagionale di 4:12.79, out anche Gaia Sabbatini (4:17.21).

SEI AZZURRI NELLA SESSIONE SERALE DI TORUN – Saranno sei gli azzurri in gara oggi nella sessione serale degli Euroindoor. Alle 19.10 Aceti nella semifinale dei 400 insieme al ceco Pavel Maslak (in finale i primi 2 delle tre semifinali). Alle 19.13 iniziano le qualificazioni del salto in alto con Alessia Trost ed Elena Vallortigara: 1,94 per l’accesso diretto alla finale, oppure bisogna restare tra le prime otto. Alle 19.40 la semifinale dei 400 per Rebecca Borga (con l’olandese Klaver e la polacca Swiety-Ersetic) e infine dalle 19.55 le batterie degli 800 metri con Simone Barontini e Gabriele Aquaro. 

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *