U.S. Lecce: cessione Ortisi e Pani
11 agosto 2021
UniCredit prima banca in Italia ad aderire al Fondo Patrimonio Culturale gestito dall’Istituto per il Credito Sportivo
11 agosto 2021

Un percorso agevolato per la vaccinazione degli sportivi tra i 12 ed i 18 anni, in ossequio alle parole del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, “il vaccino non ci rende invulnerabili ma riduce grandemente la possibilità di contrarre il virus, la sua circolarità e la sua pericolosità”. I giovani vaccinati potranno così dotarsi del “green pass” necessario per accedere agli impianti sportivi.
È questo quanto richiesto dal Sottosegretario allo Sport, Valentina Vezzali e condiviso dal Commissario Straordinario per l’emergenza Covid-19, Generale Francesco Figliuolo.

A partire dal 16 agosto, pertanto, le Regioni e le Province autonome permetteranno di accedere alle vaccinazioni, anche senza prenotazione, a coloro che, tra i 12 ed i 18 anni, svolgono attività sportiva o saranno intenzionati ad avviarne la pratica sin dalla prossima stagione che inizierà a partire dal mese di settembre.

Inoltre, sempre al fine di incentivare la ripresa in sicurezza delle attività sportive, sarà anche favorito il percorso vaccinale per tutti coloro che lavorano negli impianti sportivi o nelle associazioni sportive.

“Ringrazio il Generale Figliuolo e i suoi uffici per avere da subito accolto le mie richieste. Siamo – dichiara la Sottosegretaria Vezzali – nella fase più delicata sia della campagna vaccinale e sia soprattutto della ripartenza dell’attività sportiva. Dopo i risultati dei Giochi Olimpici, c’è tanta voglia in più di tornare a fare sport e dobbiamo assecondarla, garantendo al tempo stesso la sicurezza ed il rispetto delle regole. Per questo motivo, soprattutto con riferimento alla fascia d’età dai 12 ai 18 anni, è importante dare la possibilità di iniziare sin da subito la pratica sportiva da settembre. Al tempo stesso, ciò permetterà alle società sportive di programmare già da adesso le campagne di iscrizione e tesseramento. In più anche quanti lavorano negli impianti e nelle varie realtà sportive del territorio italiano potranno avere un percorso vaccinale agevolato. Lo sport si mette a disposizione del Paese divenendo un veicolo attivo e concreto di sostegno alla campagna vaccinale”.

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *