Primavera 1: Berisha e Borbei in Nazionale.
20 maggio 2022
Campionato Europeo. L’Italia supera Israele di misura grazie al gol di Esposito. Domenica ultimo decisivo match con il Lussemburgo
20 maggio 2022

Firenze. In una serata speciale, caratterizzata dall’inaugurazione di Palazzo Wanny, le azzurre di Davide Mazzanti alla prima uscita stagionale hanno sconfitto 3-2 (25-22, 19-25, 25-15, 23-25, 15-13) la Croazia.
Molto emozionante il pre-partita quando è stato reso omaggio a Wanny Di Filippo, finanziatore e promotore della costruzione dell’impianto, con una conferenza che ha visto partecipare tra gli altri il sottosegretario allo sport Valentina Vezzali, il presidente federale Giuseppe Manfredi e il sindaco di Firenze Dario Nardella. Presenti in sala le massime autorità politiche toscane e quelle Fipav sia nazionali, che locali.
Sugli spalti 3000 i tifosi che hanno colorato le tribune del nuovissimo impianto, tra cui il sottosegretario Valentina Vezzali, il Capo Dipartimento dell’Ufficio Sport Michele Sciscioli e il Consiglio Federale.
All’esordio da campionesse d’Europa di fronte al pubblico italiano, Malinov e compagne hanno inseguito a lungo le avversarie nel primo set, per poi trovare il sorpasso nel finale. Diversa la seconda frazione, nella quale l’Italia ha commesso molti errori e le croate hanno comandato il gioco.
Copione invertito quello del terzo parziale, le ragazze di Mazzanti hanno trovato subito un buon ritmo e per la Croazia non c’è stato niente da fare. Combattuto il quarto set, Italia e Croazia hanno dato vita a un lungo botta e risposta, conclusosi in favore delle ospiti. Grande equilibrio anche nel tie-break, al termine del quale le ragazze di Mazzanti hanno vinto con il punteggio di (15-13).

Come formazione iniziale il ct azzurro ha schierato Malinov in palleggio, opposto Nwakalor, Degradi e Perinelli in banda, centrali Chirichella e Bonifacio, libero Fersino. Nel corso del match hanno fatto il loro esordio in campo con la maglia azzurra Squarcini e Diop.
L’avvio di gara ha sorriso alle croate, mentre la nazionale tricolore ha faticato a prendere ritmo (8-12). Il merito delle ragazze di Mazzanti è stato quello di non scoraggiarsi e punto dopo punto hanno portato a termine la rimonta (25-22).
Nella seconda frazione l’equilibrio è durato fino sul (11-13), poi l’Italia ha accusato un passaggio a vuoto e le avversarie hanno sfruttato l’occasione (19-25).
La reazione azzurra non s’è fatta attendere, pronti via Chirichella e compagne sono volate sul (6-1). Il distacco iniziale ha pesato sulle spalle della Croazia, mai capace di impensierire le ragazze di Mazzanti che si sono imposte grazia a un ace di Squarcini (25-15).
Molto equilibrato il quarto parziale, nessuna delle due formazioni è riuscita a prendere il comando e così la parità si è trascinata sul (21-21). Le croate hanno trovato un importantissimo allungo (21-23) e alla prima palla utile hanno chiuso (23-25).
Nel tie-break è continuato il confronto serrato, Italia e Croazia sono arrivate in parità fin sul (8-8). Un ace di Squarcini ha permesso alle azzurre di allungare (10-8), ma le avversarie non si sono arrese (10-10). Nel finale la nazionale tricolore si è trovata avanti (13-10), poi ha visto svanire il vantaggio (13-13), ma è riuscita a spuntarla (15-13).

Domani Italia e Croazia si affronteranno nuovamente al PalaEstra di Siena (ore 20.30).

La fotogallery dell’evento è disponibile QUI

Tabellino: ITALIA – CROAZIA 3-2 (25-22, 19-25, 25-15, 23-25, 15-13)

ITALIA: Perinelli 11, Chirichella 14, Malinov 4, Degradi 18, Bonifacio 7, Nwakalor 19, Fersino (Libero). Squarcini 4, Diop 5, Enweonwu, Guerra. N.e: Panetoni, Battistoni, Graziani. All. Mazzanti
CROAZIA: Peric 3, Tomic 4, Samadan 13, Grbavica 20, Milos 111, Butigan 12, Stimac (Libero). Karatovic 2, Markovic, Strunjak. Strize, Popic 2, Bozicevic. N.e: Deak, Sain. All. Ferhat
Arbitri: Nannini e Marotta.
Durata Set: 27’, 24’, 22’, 27’, 16’.
Spettatori: 3000.
Italia: 8 a, 15 bs, 7 m, 33 et.
Croazia: 4 a, 14 bs, 15 m, 35 et.

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *