Luigi Cuppone l’attaccante dalla velocità innata. Questa sarà la stagione sportiva decisiva per la sua maturazione calcistica.
19 luglio 2021
RIAPERTURA AL PUBBLICO IMPIANTI SPORTIVI
20 luglio 2021

Matteo Pasca è un ragazzo partito qualche anno fa da Neviano suo paese natale ed è approdato a Roma giovanissimo, con tanti sogni e tanta voglia di apprendere e di studiare i nuovi metodi di approccio all’insegnamento e delle esamine tattiche del calcio moderno.
Pasca è un Match Analyst; Tecnico UEFA C.
Dal 2019 è in forza alla SS CALCIO FEMMINILE guidata dal mese di febbraio di quest’anno da Carolina Morace

Nella Stagione Sportiva 2017/2018
è stato Match analyst per ASD GRIFONE GIALLOVERDE FEMMINILE in Serie B , in quella 2016/2017 Match analyst per ASD ROMA CALCIO FEMMINILE in Serie B, la sua prima esperienza è stata nella Stagione Sportiva 2015/2016 Match analyst sempre per ASD ROMA CALCIO FEMMINILE in Serie B.

Che cosa fa un Match Analyst all’interno dello staff tecnico di una squadra di calcio?
Prima di tutto è necessario precisare che si tratta di un collaboratore, un membro dello staff tecnico a tutti gli effetti, che ha il compito di osservare e analizzare tutte le attività che riguardano la vita della propria squadra. Pertanto parliamo di gare degli avversari, oltre a gare proprie e allenamenti della propria squadra.
Una caratteristica fondamentale del video analista è l’oggettività dell’analisi. Ebbene si, perché rispetto a quella del tecnico che è emotiva e vissuta da una visuale poco privilegiata com’è quella dal campo (spesso anche grandi allenatori hanno ammesso a fine gara di aver perso alcuni passaggi importanti della stessa), quella dell’analista video è oggettiva in quanto il suo compito è registrare e analizzare ciò che vede da una visuale spesso privilegiata e lontano dallo stress e dalla tensione che si vive nel rettangolo di gioco. “Il match analyst è come il radiologo: ti dice quello che hai di rotto, ma non opera” .
IL RUOLO NELLO STAFF
Di loro si parla sempre poco, ma sono presenti in ogni staff che si rispetti. Il ruolo del Match Analyst all’interno è infatti importante allo stesso tempo molto delicato.
Questa figura ha il compito di fornire in maniera continuativa informazioni allo staff ai fini di una corretta valutazione delle prestazioni della squadra. Per questo motivo è sempre al lavoro ed è sempre disponibile a fornire il materiale visionato ai diretti interessati.
Spesso è anche colui che, meglio degli altri appartenenti allo staff, ha la percezione della validità o meno della prestazione in maniera immediata. Allo stesso tempo però è costretto molte volte a mostrare ai tecnici cose negative e per questo motivo è importante la sua oggettività nell’analisi e soprattutto la capacità di rispettare i ruoli all’interno di un gruppo di lavoro. La sua deve essere un’analisi da fornire ai tecnici che sono invece i responsabili tecnici con il compito di valutare e scegliere le linee programmatiche da seguire.
LE COMPETENZE DEL VIDEO ANALYST
Il video analista deve unire competenze informatiche a competenze tecniche. Competenze informatiche legate ovviamente all’utilizzo di tutti gli strumenti necessari a svolgere l’attività di video analisi e quindi utilizzo del pc, gestione file di diversa natura, utilizzo e gestione videocamere, utilizzo programmi dedicati, connessioni internet,etc etc. Competenze tecnico-tattiche della disciplina per poter soddisfare le richieste dello staff tecnico e dell’allenatore in particolare modo e soprattutto per avere gli elementi per analizzare il materiale che dovrà accuratamente lavorare. Ovviamente non si può pensare di analizzare e presentare un prodotto al tecnico senza conoscere in generale gli aspetti del gioco e poi nello specifico la richiesta tecnico-tattica del tecnico stesso.
LE DIVERSE FORME DI VIDEO ANALISI
L’attività potremmo dividerla in quattro parti:
1. Analisi Allenamenti
2. Analisi Gara
3. Analisi Avversari
4. Scouting
——————————-
1. Analisi Allenamenti
Con la ripresa e l’analisi dell’allenamento si tenta di monitorare l’acquisizione da parte della squadra dei principi tecnico-tattici imposti dall’allenatore oltre che valutare le prestazioni dei singoli giocatori. Inoltre la video analisi delle sedute di allenamento è anche un’ottimo strumento di valutazione delle esercitazioni proposte per valutarne l’efficacia rispetto agli obiettivi per cui era stata creata.
2. Analisi Gara
Parliamo dell’analisi della gara appena disputata. In generale si analizzano le fasi del gioco unitamente alle situazioni speciali del gioco stesso. Si analizza la propria prestazione , si cerca di riscontrare se la squadra ha seguito i principi generali del gioco oltre che quelli specifici dettati dall’analisi dell’avversario lavorati nella settimana precedente alla gara. La video analisi della propria gara andrebbe fatta in diretta in modo da poter fornire già a fine incontro allo staff la possibilità di rivedere e analizzare la gara con l’obiettivo di mostrare ai giocatori aspetti positivi e negativi dell’evento stesso alla ripresa del lavoro.
3. Analisi Avversari
Analizzare un determinato numero di gare dei prossimi avversari è uno strumento fondamentale per poter preparare la settimana di lavoro che porta alla gara. Solitamente si sceglie un numero di gare tali da poter catalogare determinati aspetti del gioco come costanti di una squadra(si tende a valutare da 3 a 5 un numero equo di gare da analizzare).
L’analisi generale dell’avversario viene fornita allo staff tecnico e in particolare all’allenatore in seconda che ha il compito di analizzarla e selezionare il materiale da fornire al tecnico. Quest ultimo effettuerà l’ultima selezione che sarà poi quella che darà vita al videoclip che verrà mostrato alla squadra con le caratteristiche della compagine che si andrà ad affrontare.
Solitamente le clip che si presentano alla squadra non superano i 10-15 minuti per evitare di perdere la concentrazione negli interlocutori.
4. Scouting
Un altro elemento fondamentale è quello dello Scouting. La maggior parte dei software di videoanalisi sono creati anche per generare statistiche a fine evento; in questo modo abbiamo la possibilità di analizzare dei veri e propri dati tramite i tagli video degli stessi. Questo perché i dati sono utili ma vanno interpretati e contestualizzati all’interno della prestazione. Come per gli aspetti trattati in precedenza, l’attività di scouting viene effettuata su elementi del gioco che vengono considerati utili ai fini della prestazione generale e nello specifico ai fini dell’idea tecnico-tattica dell’allenatore.
La Video Analisi nel Futsal
L’analisi di una partita di Futsal è molto complessa in quanto gli eventi cambiano rapidamente durante il gioco. Ma cosa viene analizzato precisamente in una gara?
1. Fasi del gioco
– Possesso
– Non Possesso
– Transizione
Possesso:
– Posizionale
– Uscita dalla pressione (tutte quelle situazioni in cui ci si trova a dover uscire da una situazione di pressione avversaria con palla ferma. es rimessa dal fondo, rimessa da un fallo laterale molto vicino alla nostra area di rigore, punizione al limite della nostra area di rigore)
Non Possesso:
– Posizionale
– Difesa in pressione (tutte le situazioni in cui proviamo a pressare l’avversario su palla
ferma in zone prossime all’area di rigore avversaria)
Transizioni:
– Positive
– Negative
2. Situazioni
Speciali
– Portiere di movimento (5×4)
– 4vs3
3. Palle Inattive
– Palle inattive (Calci d’angolo, falli laterali, punizioni)
4. Scouting
Gli elementi da analizzare ai fini dello Scouting sono scelti dall’allenatore rispetto a quello che ritiene opportuno evidenziare ai fini di una corretta valutazione della gara. Per esempio:
• Tiri in porta (fuori dalla specchio, dentro lo specchio)
• Palle perse
• Palle recuperate
• Efficacia transizioni
• Efficacia tiri in porta
• Reti (segnate e subite)
• Efficienza palle inattive
Ad ogni modo si può concludere affermando che questa figura è fondamentale ai fini della preparazione alla competizione da parte di un gruppo sportivo.
Quante più informazioni si hanno maggiore è la possibilità di ricerca una strategia adeguata all’evento e tanto più si ha la possibilità di poter soprattutto migliorare il proprio livello di prestazione sia collettivo che individuale.

Approfondimento tecnico: Rivista “Il Calcio Illustrato” maggio 2020.

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *