Leo Shoes Casarano: ingaggiato Scaffidi
31 luglio 2021
Happy Casa Brindisi: torna Clark
1 agosto 2021

TOKYO, JAPAN - JULY 17, 2021: The Olympic rings are pictured outside Japan National Stadium, a venue of the 2020 Summer Olympics. Tokyo was to host the 2020 Summer Olympic Games on July 24-August 9, 2020. The games were postponed for a year due to the COVID-19 pandemic. Valery Sharifulin/TASS (Photo by Valery SharifulinTASS via Getty Images)

Prima sconfitta per la Nazionale Femminile in questo torneo olimpico. Oggi le ragazze di Davide Mazzanti sono state sconfitte 3-0 (25-21, 25-20, 26-24) dalla Cina. Gara molto complicata per le azzurre che non sono mai riuscite ad esprimersi sui livelli delle ultime prestazioni. In sostanza Egonu e le sue compagne hanno conosciuto una giornata no nella quale non sono mai riuscite a entrare in partita eccezion fatta nel terzo set quando sembravano poter avere una reazione che però si è esaurita proprio nel finale cedendo ai vantaggi. Il risultato negativo di questa sera a questo punto rimanda all’ultima giornata i verdetti definitivi in vista dei quarti di finale in programma il 4 agosto. L’Italia chiuderà la sua fase preliminare con il match contro gli Stati Uniti luned& igrave; 2 agosto alle ore 11.05 locali (le 4.05 nella notte italiana). 
Mazzanti si è affidato al consueto schieramento che prevede la diagonale Malinov-Egonu, Danesi e Fahr le centrali, Bosetti e Pietrini i martelli e naturalmente De Gennaro libero.
La Cina, scesa in campo con la consapevolezza di essere già eliminata prima ancora di giocare, è stata schierata con Yao in palleggio, Gong opposto, Yuan e Wang centrali, Zhang e Li schiacciatrici, Wang libero.

Il primo set è stato molto equilibrato con le cinesi che per la verità hanno un po’ sorpreso le azzurre apparse meno efficaci del solito nel trovare le giuste soluzioni d’attacco penalizzate da una ricezione non proprio esemplare. Alla fine dunque a spuntarla sono state le cinesi con il punteggio di 25-21.

Nel secondo set la situazione è rimasta sostanzialmente invariata con le cinesi sempre in grado di gestire la situazione. Mazzanti, così come nel primo set, ha provato a cambiare qualche giocatrice ma in sostanza non è mai riuscito a ricevere dalle sue ragazze la reazione che cercava. Ciò che ne è scaturito è stato un 25-20 senza troppi appelli e il conseguente 2-0.

Terzo set che in avvio ha visto ancora le azzurre in confusione anche se con il passare dei minuti finalmente è arrivata la reazione che sembrava poter riaprire il match. Nel finale però le ragazze di Lang Ping hanno piazzato l’allungo decisivo e il 26-24 che ha decretato il 3-0 conclusivo.  

DAVIDE MAZZANTI: “È stata una partita in cui non siamo mai riusciti a cambiare ritmo, avevamo sempre il cambio palla difficile. Nella prima parte della gara abbiamo avuto troppa fretta, soprattutto quando loro ci hanno messo in difficoltà in ricezione. Il dispiacere più grande è proprio quello non essere riusciti a invertire l’inerzia del gioco, solo a tratti qualcosa è cambiato nel terzo set, ma abbiamo sprecato nel momento clou e così la partita ci è sfuggita definitivamente. Loro sono state brave a sfruttare i tanti nostri errori. Sapevamo, comunque, che questo era un girone tosto e adesso ci aspetta una sfida molto impegnativa contro gli Stati Uniti”.

CATERINA BOSETTI: “Non siamo mai entrate in partita, all’inizio abbiamo avuto tante difficoltà con il cambio palla. Nel corso della gara lo abbiamo un po’ sistemato, ma poi è mancato altro e non siamo più state in grado di riaprire il match. Rispetto alle altre squadre la Cina ci ha aggredito forte in battuta e questo ha penalizzato il ritmo del cambio palla, che per noi è molto importante. Senza questo abbiamo fatto fatica a ingranare, mentre l’unica cosa che ha funzionato è stato il muro-difesa”.

CRISTINA CHIRICHELLA: “Dobbiamo dare molto merito a loro perché ci hanno messo in grande difficoltà, sfruttando molto bene il servizio. Abbiamo commesso tanti errori che potevamo evitare, non dovrà più accadere nelle prossime gare. Quella di oggi è una brutta sconfitta, ma bisogna cercare di farne tesoro per migliorare nel corso del torneo. Gli Stati Uniti sono squadra forte con giocatrici di alto livello e mettono in campo un gioco molto veloce. La cosa più importante, però, è esprimere la nostra pallavolo, perché siamo capaci di far molto meglio rispetto al match di oggi”.

ITALIA-CINA: 0-3 (21-25, 20-25, 24-26)
Italia: Malinov 1, Egonu 18, Danesi 8, Fahr 5, Pietrini 14, Bosetti 7, De Gennaro (L). Sylla, Orro, Sorokaite, Chirichella 2. Ne: Folie. All: Mazzanti
Cina: Yuan X. 5, Gong X. 9, Wang Y. 6, Zhang C. 12, Yao D. 2, Li Y. 15, Wang M. (L). Ne:  Ding X., Yan N., Zhu Ting, Liu Xiaoton, Liu Yanhan. All: Lang Ping.
Arbitri: Muranaka (JPN), Makshanov (RUS)
Durata set: 26’, 26’, 33’
Italia: a 3 bs 14 mv 9 et 15
Cina: a 2 bs 2 mv 10 et 10

Risultati 31 luglio
Pool A: Repubblica Dominicana – Kenya: 3-0 (25-19 25-18 25-10)
Pool B: USA – ROC 0-3 (20-25 12-25 19-25)
Pool B: Argentina – Turchia 0-3 (23-25 20-25 18-25)
Pool A: Serbia – Brasile 1-3 (20-25 16-25 25-23 19-25)
Pool A: Giappone – Corea del Sud 2-3 (19-25 25-19 22-25, 25-15, 14-16)
Pool B: Cina – Italia ore 3-0 (25-21, 25-20, 26-24)

Classifiche
Pool A: Brasile 4v (11p), Serbia 3v (9p), Corea del Sud 3v (7p), Rep. Dominicana 1v (5p), Giappone 1 v (4p), Kenya 0v.
Pool B: Italia 3v (9p), ROC 3v (8p), USA 3v (8p), Turchia 2v (7p), Cina 1v (4p), Argentina 0v.

Programma gare 2 agosto – orari di gioco italiani
Pool A: Serbia – Corea del Sud ore 2
Pool B: USA – Italia ore 4.05
Pool B: ROC – Turchia ore 7.20
Pool B: Cina – Argentina ore 9.25
Pool A: Giappone – Repubblica Dominicana ore 12.40
Pool A: Brasile – Kenya ore 14.45

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *