Lecce: lesione muscolare per Faragò
16 febbraio 2022
La BCC Castellana vola al terzo posto
16 febbraio 2022

Per la prima volta nella sua storia, Aurispa Libellula gioca una semifinale di Del Monte Coppa Italia e lo fa di fronte al pubblico di casa che si riversa (nei limiti del consentito) al Palazzetto dello Sport di Tricase per assistere alla sfida con la Tinet Prata di Pordenone. In palio c’è la finale di Bologna del prossimo 6 marzo.

Coach Santiago Darraidou, con il vice Vincenzo Barone a fare le sue veci, per il suo sestetto sceglie Martin Kindgard in regia, Casaro opposto, i centrali Rau e Fortes, i martelli Vinti e Corrado, ed il libero Paolo Cappio.

Prata di Pordenone parte forte nel primo set, rompe il ghiaccio con un muro e, subito dopo, con un ace di Baldazzi (3-5). Aurispa Libellula risponde con Rau e Vinti, che mettono a terra due palloni serviti in maniera impeccabile da Kindgard, poi sono ancora gli ospiti a riaffacciarsi in avanti (8-10). In casa salentina comincia a girare anche il muro, con un monster block di Fortes che, però, non placa lo scatenato Baldazzi e il sestetto di mister Boninfante (12-15). I friulani viaggiano a +4 e coach Darraidou chiede il timeout, che non sembra sortire gli effetti sperati, visto che gli avversari continuano a martellare (16-20). Aurispa Libellula reagisce con rabbia e Casaro trova due ace di fila che riaprono i giochi, portando i suoi sul -1, ma non è sufficiente per evitare di perdere il set (23-25).

Il secondo set comincia di buona lena per Casaro che mette a terra due bei palloni, ma la Tinet Prata è sempre avanti (4-5). Viene fuori anche Corrado, che scaglia due palloni con violenza e regala un po’ di entusiasmo, come dimostra il primo tempo di Fortes e la contesa a rete vinta da Casaro (10-8). Baldazzi in battuta è un’ira di Dio, ma Aurispa Libellula sente la spinta di un palazzetto in festa, con i Leones ad accendere l’entusiasmo dei tifosi, e mantiene il vantaggio (15-13). Rau butta giù un primo tempo da paura, Casaro si scatena con due ace di seguito e, sul + 4 per Aurispa Libellula, mister Boninfante è costretto a chiedere timeout. Va a referto anche Kindgard, che raccoglie un pallone vagante, ad intervallare uno strabiliante Casaro, ancora a punto con un ace! Sul 20-13 arriva la risposta della Tinet Prata, che si riavvicina con un break di 3 punti, ma i salentini non si scompongono e vanno a referto con tutto il sestetto vincendo il set (25-18).

Nel terzo set l’Aurispa Libellula torna sul taraflex con cattiveria agonistica e l’iniziale vantaggio ne è la dimostrazione (5-3). Non si contano più gli ace di Casaro, poi va a punto Corrado e anche i friulani commettono qualche errore (10-6). A questo punto c’è il break degli ospiti che si riavvicinano con un buon turno di battuta del subentrato De Giovanni. Un muro di Corrado prova a fermare l’emorragia, ma gli ospiti completano la rimonta e si riportano in vantaggio, spinti dal buon turno di battuta di Boninfante (14-16). Si gioca punto a punto in una fase di stanca del match, con errori da una parte e dall’altra. Arrivano un ‘mani e fuori’ di Corrado e il salvataggio miracolo di Cappio, a cui segue il punto di Vinti (20-19). Finale di set incandescente: si sfrutta un lungo turno di battuta di Corrado, impreziosito dai punti di Casaro e Vinti che regalano il set (25-21).

Il quarto set lo apre un ace di Kindgard, a cui segue Casaro con due punti e il muro di Kindgard, partito da una gran ricezione di Persichino (5-4). La Tinet Prata torna avanti, Aurispa Libellula deve inseguire e prova a raggranellare punti con Vinti, Rau e Casaro (8-10). Non si va per il sottile e ogni giocata diventa fondamentale ai fini del punteggio, ma i friulani sembrano aver ritrovato compattezza (12-15). Cappio alza un pallone che sembra già a terra e porta Kindgard a servire il connazionale Vinti che, prima va a referto con una bella diagonale e poi tira fuori dal cilindro l’ace. Un fallo dei salentini non compromette la rimonta, che si completa con Fortes e con un moster block di Corrado (18-18). Finale al cardiopalma, con le squadre che lottano punto a punto e su ogni pallone (21-21). Si va ai vantaggi e la partita sembra non finire mai. Aurispa Libellula non approfitta di diversi match point e cede sotto i colpi di una Tinet Prata mai doma (28-30).

La lotteria del tie break si apre con due palloni messi a terra da Corrado e l’immediata controreplica della Tinet Prata che prova a mettere una prima ipoteca sulla finale, complici diversi errori di Aurispa Libellula (3-5). I friulani si affidano alla battuta di Katalan che non sbaglia un colpo e spinge i suoi sul +3. Capitan Rau è l’ultimo ad arrendersi e mette a terra un bel primo tempo, ma dall’altra parte spingono sull’acceleratore senza soluzione di continuità (6-10). L’epilogo non è da favola, anzi, il finale è tutto di marca friulana, con i salentini che perdono un punto molto contestato ed assegnato agli avversari al videocheck. È il preludio alla vittoria della Tinet Prata, che ha disputato un match di assoluto livello e ha saputo approfittare di ogni occasione per portare a casa la finale. Ad Aurispa Libellula rimane la consolazione di aver lottato sino alla fine e aver onorato la maglia, come conferma l’abbraccio finale del pubblico che ha voluto ringraziare la squadra con un lungo applauso.

Aurispa Libellula – Tinet Prata di Pordenone 2-3 (23-25; 25-18; 25-21; 28-30; 10-15).

Aurispa Libellula: Bruno Vinti 14, Martin Kindgard 4, Francesco Corrado 18, Nicolò Casaro 28, Graziano Maccarone, Giancarlo Rau 7, Paolo Cappio (L), Francesco Fortes 8, Enrico Scarpi, Enrico D’Alba, Francesco Giaffreda (L), Lorenzo Persichino, Fiorenzo Melcarne. All. Darraidou Vice All. Barone.

Tinet Prata di Pordenone: Baldazzi 21, Katalan 13, Dal Col, Pinarello (L), Yordanov 14, Gambella, M. Boninfante 8, Bruno, De Giovanni, Rondoni (L), Bortolozzo 6, Gaiatto, Novello 1, Porro 13. All: D. Boninfante

Arbitri: Rosario Vecchione, Marco Colucci

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *